The XX a Roma: il concerto che vorrei ogni giorno


Cose più serie / martedì, Luglio 11th, 2017

Purtroppo non viaggio sempre con la macchina fotografica e il mio cellulare ha smesso di fare foto belle come una volta. D’altronde ha quasi tre anni di vita e non posso chiedergli un impegno eccessivo. Peccato però, perchè la serata del 10 luglio scorso a Roma meritava di essere immortalata con un obiettivo decente. Il concerto della band inglese The XX è stato a dir poco superlativo e, per quell’oretta e mezzo risicata, mi ha fatto dimenticare anche tutte le peripezie che ho passato per giungere all’Ippodromo delle Capannelle. Ma andiamo con ordine.

Peripezia numero 1

Mi reputo una ragazza abbastanza smart: viaggio con acqua, fazzoletti e smartphone in borsa. Se posso, faccio tutto con un click e fondamentalmente affido le mie speranze nelle app di Google e Moovit (a questo proposito, ne avevo parlato meglio qui). E questo è esattamente quello che ho fatto anche per il concerto de The XX a Roma: ho calcolato il percorso per arrivare in tempo utilizzando metro e autobus. Risultato? Sono finita nel nulla, tra capannoni, strada provinciale, raccordo e magazzini di supermercati famosi. Ho camminato a piedi rischiando la morte per il caldo e per il traffico per circa 30 minuti. Mi facevano pale i piedi, ero sudata, sporca e avevo paura di non arrivare in tempo.

Autobus Atac Roma

Torno sconsolata alla fermata dell’Atac, al punto di partenza e mi rassegno: chiamo un taxi e bella. Ovviamente, non avendo mai preso un taxi a Roma, la prima cosa che faccio è googlare “numero taxi a roma”. Chiamo il primo risultato e – udite udite – sembra che sia inesistente.
No, il mondo non può avercela con me così tanto. Faccio un respiro e mi incammino verso un ristorante disagiato lungo la strada che avevo persorso già 2 volte. Mentre mi avvicino, vedo che, come me, ci sono altri 4 ragazzi in panico. Anche loro, come me, sono stati mandati lì da qualche app, convinti di essere a pochi metri dalle Capannelle. Come se ci fossimo conosciuti da settimane, iniziamo a parlare e “scrocchiamo” un passaggio a una coppia in macchina CARINISSIMA. Quei due ci hanno salvato la vita e il concerto.

Peripezia numero 2

Facciamo una colletta per pagargli il parcheggio: è il minimo! Dopo, però, ci perdiamo per la folla all’ingresso. Faccio la fila e prendo gli ultimi sorsi di acqua prima che mi venga confiscata. Quando arrivo al tornello, mi dicono che devo tornare indietro, uscire dall’Ippodromo e andare a cambiare il mio biglietto al banco degli accrediti. E quindi, come un livello di SuperMario, esco dal labirinto delle transenne e vado a prendere il nulla osta riservato ai disgraziati che dovevano andare al concerto (annullato) degli XX a Firenze.

Peripezia numero 3

Il ritorno dalle Capannelle è un capitolo a parte. Per tornare in città, se non hai la macchina, hai 5 opzioni:

  1. prendere il notturno, anzi, 3 notturni: ci vogliono almeno 3 cambi per arrivare a Termini;
  2. utilizzare il servizio navetta al costo di 5 euro, sperando ci sia posto;
  3. prendere il treno dalla stazione delle Capannelle fino a Termini;
  4. fare autostop;
  5. pregare.

Ho scelto la terza via, su rotaia. Il concerto è finito alle 23:40 circa e il treno partiva un’ora dopo esatta. Ci siamo ritrovati in centinaia ad aspettare lungo il marciapiede, con il sonno che incombeva e la polvere appiccicata sulla pelle.
Nel frattempo, ho finito tutti i soldi cash: sono rimasta con 2 euro e 59 (anche i centesimi, in alcuni casi, contano). Il biglietto per Termini costa 3 euro. “Bene, sono fottuta”, penso.
Invece, per fortuna, la solidarietà tra donne sta prendendo forma e riesco a comunque a salire sulla carrozza climatizzata.

Birra rigenerante a fine concerto

Peripezia numero 4

Salgo a casa, finalmente. Ho due desideri: fare una doccia e bere la Moretti che mi ero messa in fresco prima di uscire.
Entro in bagno e scopro che la luce si è fulminata, non si vede un fico secco. Posso solo lavarmi i denti, illuminando l’ambiente con il flash del cellulare.
Rimane la birra. Ah, no, scusate: qualcuno ha pensato di berla mentre ero assente. La trovo finita sul tavolo della cucina.
Ricapitolando: sono sporca e senza una lira, ho una bolla sotto il piede e bevo acqua “calda” perchè nessuno l’ha rimessa in frigo. Ma ne è valsa la pena!

Perchè sorrido come una scema nonostante tutto?

Sorriso #1

The XX hanno reso il mio primo giorno da 27enne indimenticabile. Mi hanno fatto ridere, piangere, commuovere insieme a loro. Mi hanno fatto ballare e mi hanno ricordato tante cose belle del mio passato: è stato un augurio per il futuro, per quello che ancora deve accadere.

Sorriso #2

Andare ai concerti da sola mi fa sentire “adottata” dal pubblico. Mi sembra di poter conoscere tutti e poter sciogliermi tra la gioia comune.

Sorriso #3

So che torno a casa e ci sei tu.

Sorriso #4

Ok, è vero: i The XX hanno suonato a stento un’ora e 20, ci aspettavamo qualche pezzo in più. I Token se li potrebbero mettere dove sappiamo; l’organizzazione cerca di comprarci con le cartine e i filtri gratis; il PostePay Rock in Roma sembra un parco giochi in miniatura pensato per solo per fare soldi. Ma tutto questo si annulla quando Romy e Oliver ringraziano di cuore tutti noi che siamo lì a sentirli. “I see you”: vedono e ringraziano ognuno di noi, nessuno escluso. Perchè se la magia esiste è grazie ai singoli presenti.

Sorriso #5

Jamie xx, adoro. Torna presto per farci ballare, so che lo vorresti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.