Orange is the new black, torna presto ❣️

Cinque. Cinque stagioni per amare le ragazze di Litchfield, o meglio, le carcerate più famose d’America. Se ci ripenso, le puntate di Orange is the new black sono volate: ci hanno fatto vivere emozioni forti, dolore, rabbia, angoscia e – sporadicamente – gioia. E per questo, diciamo la verità, dobbiamo solo dire grazie a Netflix per averla trasmessa in streaming.

orange-is-the-new-black-season3

Orange is the new black è una serie tv ideata da Jenji Kohan e la sua firma è più che tangibile. Solo una donna come lei, che ha collaborato a Sex and the City, Una mamma per amica e Will & Grace, poteva partorire cotanta bellezza. Abbiamo conosciuto le detenute del Connecticut nel 2013 (in Italia, sempre all’avanguardia, un anno dopo) e da allora non le abbiamo più lasciate.

orange_is_the_new_black_s4_still_piper_alex_h_2016

All’inizio, la storia abbracciava soprattutto le vicenze di Piper Chapman, una bionda dagli occhi chiari che rappresenta al 100% la borghesia bianca newyorkese. La sua vita scorre tranquilla, con un ragazzo facoltoso al suo fianco e progetti per un futuro d’eccezione. Fino a che non viene condannata a scontare 15 mesi nel carcere femminile di Litchfield per aver trasportato dei soldi di provenienza illecita per Alex Vouse. Chi è Alex? La sua ex-ragazza, quella per la quale farebbe di tutto e che sta cercando di dimenticare da ormai 10 anni (senza successo).

L’altolocata Chapman finisce così dietro le sbarre e sembra un pesce fuor d’acqua. Non è abituata a condividere i servizi, a non “scrollare” la bacheca di Facebook e a servirsi a mensa con il vassoio. Ma, da un giorno all’altro, le cose cambiano e inizia a interagire con le altre donne condannate a scontare la pena. Presto ci si accorge che Orange is the new black non vuol parlare della singolarità di una, bensì dello spettacolo della moltitudine.

1280_daya_orange_is_the_new_black_youtube

Ogni pregiudicata ha una storia da raccontare e un passato che non la fa dormire. Ciascuna di loro ha gli incubi la notte, si rigira nelle lenzuola ruvide e sogna i pancakes la domenica mattina. Combattono fisicamente e mentalmente contro gli abusi delle guardie (alcune sono davvero ignobili) e le ingiustizie dello stato nei loro confronti.

La corazza più dura dell’assassina, nel corso delle stagioni, diventa spessa come un foglio di carta ed emerge finalmente l’amore che custodisce.

orange-is-the-new-black-5-nuove-foto-009

Lottano, piangono, giocano a fare le gangster sniffando le polvere di caffè (don’t try this at home) e si tengono la mano per farsi coraggio.

Questo è Orange is the black. Questo è un inno al girl power.
Tornate presto, teppiste 💕 💕

Lunatica, creativa, nativa digitale. Tra un caffè e l’altro mi occupo di web e turismo, sempre con una bella colonna sonora di sottofondo.

Lascia un commento